Il paradosso

Il mondo vive finanziariamente parlando (e non solo) una situazione paradossale.
Vediamo perchè. Da una parte le banche centrali, soprattutto in Europa e Giappone, stampano denaro (quantitative easing ) per fare in modo che l'economia riparta, si crei nuova inflazione e i consumi tornino a crescere; dall'altra parte, pur in presenza di massicce iniezioni di liquidità, i consumi e la economia reale non ripartono affatto anzi da piu' parti si parla già esplicitamente di una nuova recessione. Come mai? Semplicemente il denaro non arriva alla economia reale e ai consumatori-risparmiatori ma resta nel circuito finanziario alimentando solo nuova speculazione e nuovi squilibri. Le banche già gravate da pesanti sofferenze fanno sempre piu' fatica a fare prestiti, gli stipendi in termini reali, a causa anche della bassa inflazione, non aumentano. I soli a guadagnare da questa gigantesca iniezione di denaro pubblico sono gli stati, i cui spread (o differenziali di rendimento) sono contenuti permettendo a stati come l'Italia di risparmiare sugli interessi, e gli speculatori (grossi fondi e alcune banche di affari ), che avendo a disposizione ingenti capitali, possono puntare a condizionare i corsi di borsa dei titoli azionari a loro favore, intascando grossi profitti. Il paradosso sta qui: chi in teoria dovrebbe ricevere il denaro creato dalle banche centrali non ne beneficia anzi con questa congiuntura per i piccoli e medi imprenditori diventa sempre piu' difficile avere accesso ai finanziamenti. Un paradosso che permette al pesce grande di ingrandirsi ancora di piu' a spese del pesce piccolo sempre piu' in difficoltà. Una spirale difficile da spezzare a meno che non venissero individuati specifici schemi di finanziamento a favore dei soggetti piu' deboli magari controgarantiti dallo Stato o dagli enti pubblici. Ma un paese come l'Italia gravato dal terzo debito pubblico piu' alto al mondo non ha grandi spazi di manovra per quanto riguarda la spesa pubblica.

Post più popolari