Passa ai contenuti principali

Qui si sta giocando sulla pelle degli azionisti/risparmiatori

Il governo, a bocca dei due vicepremier Salvini e Di Maio intervenuti sabato 9 febbraio a Vicenza alla assemblea nazionale dei risparmitori, ha promesso in tempi rapidi la approvazione del decreto attuativo del fondo di indennizzo risparmiatori. Secondo tale legge doveva essere approvato entro il 31 gennaio 2019.
Ho invece il fondato sospetto che il decreto non verrà approvato in tempi rapidi anzi.
Qui qualcuno sta giocando sulla nostra pelle.
Di Maio e Salvini sanno benissimo che il meccanismo automatico di risarcimento previsto dalla legge istitutiva del fondo non verrà mai accettato da Bruxelles.
Perchè allora promettere mari e monti quando forse la montagna partorirà il classico topolino?
Noi soci delle ex popolari venete ora in liquidazione siamo stanchi di chiacchere e promesse.
Vogliamo fatti e li vogliamo subito.
Temo che nonostante le promesse alla fine il decreto attuativo rispolvererà l'obbligo di dimostrare il misselling ovvero al vendita fraudolenta, cosa difficile da dimostrare per noi soci.
E che verrà reintrodotto un arbitro che non si chiamerà arbitro Consob, ma magari commissione di valutazione ministeriale, il che nei fatti equivale alla stessa cosa.
Ed equivale a distribuire come da me paventato in varie occasioni qualche briciola a qualche fortunato socio. Non certo il 30% automatico a tutti.
Questo storia ha assunto oramai connotati tragicomici. La unica cosa certa è che chi non ha accettato la opt del 2017 è rimasto a bocca asciutta. A Vicenza ho visto più che una assemblea di risparmiatori una kermesse elettorale di due politici in cerca di consenso sponsorizzati dai presidenti di alcune associazioni di risparmiatori in cerca forse più di visibilità (e posti al sole) che di tutela per noi risparmitori/soci azzerati. Il tempo è galantumo ma come diceva un politico di spessore del passato "pensare male è peccato ma generalmente si indovina".

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

Bitonci: rivoluzione del ristoro? Solo una mancia per pochi

Secondo Bitonci (sottosegretario al Mef senza deleghe) il "governo del cambiamento" avrebbe messo in atto una rivoluzione dei rimborsi anzi dei ristori per i soci azzerati Veneto Banca e BPVicenza. Si rende conto Bitonci quando parla di quello che dice? Di che rivoluzione blatera? Il fondo di cui parla e che verrà approvato è stato si aumentato a 1500 miliardi dai 100 iniziali riprendendo però in toto la impostazione del fondo ex lege 205 approvato dal precedente esecutivo. Per cui rimborserà solo i soci che dimostreranno il famoso miselling ovvero quei soci che dimostrenanno essere stati oggetto di vendita fraudolenta da parte della banca. Prova non facile da produrre all'arbitro Consob ( o all'Anac vedremo chi sarà). In sostanza se l'esecutivo manterrà come dice Bitonci la impostazione della legge 205 pochi soci saranno rimborsati nonostante l'aumento della disponibilità del fondo che sarà in pratica solo teorico lasciando a bocca asciutta molti soci azzer…

Di Maio: dove sono finiti i valori del M5s? Non si può difendere la carega a ogni costo

Mi chiedo dove siano finiti i valori sui quali è nato e si è affermato il Movimento 5 Stelle. Lo chiedo soprattutto al suo "capo politico e leader" Luigi Di Maio . Affermo anche con molta nettezza che la carega non può essere sempre e continuamente messa sopra ai valori calpestandoli. Il governo del "cambiamento" ha approvato con la complicità del m5s provvedimenti che sono contrari ai principi dello stesso: 1) condono fiscale fino a 500.000 euro con possibilità di sanare posizioni detenute all'estero; 2) dato il via libera alla Tap ( sollevando un polverone in Puglia); 3) accettato e dato il placet alla continuazione di una opera abominevole da tutti i punti di vista come la Superstrada Pedemontana Veneta, nonostante il ministro Toninelli avesse assicurato che si sarebbe proceduto ad una stringente analisi sui costi e benefici. Se lo avessero fatto la avrebbero dovuta bloccare ma avrebbero avuto contro Zaia e la Lega. Così si sono adeguati a tutto pur di non s…