Passa ai contenuti principali

Alla fine nonostante le mirabolanti promesse ci daranno forse una mancia

Alla fine nel documento programmatico di bilancio inviato a Bruxelles appaiono finalmente le vere cifre stanziate per i soci azzerati di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza.
Nulla nel 2019 e per il biennio successivo 360 milioni all'anno totale 720 milioni.
I sottosegretari senza delega al Mef Bitonci e Villarosa hanno detto che i 1500 miliardi promessi ci saranno. Su che basi non è ben chiaro.
Sembrano però promesse appunto ma la realtà delle cifre è quella e i soldi arriveranno solo a partire dal 2020 non prima.
I 720 milioni oltretutto arriveranno dai conti dormienti e non dal bilancio dello Stato per cui vedremo alla fine quali saranno le effettive disponibilità finanziarie.
Ricordo che a novembre 2018 scadrà la prescrizione ventennale su 670 milioni circa attualmente detenuti su conti dormienti e che questi entreranno a tutti gli effetti nella disponibilità dello Stato.
Non si capisce perchè allora non siano previste disponibilità sul fondo già dal 2019.
Perchè attendere il 2020? Forse perchè i soldi provenienti dai conti dormienti andranno a coprire altre poste di bilancio? Vedremo. Di sicuro le tanto mirabolanti promesse di Di Maio per noi soci troveranno poche concrete risposte. Forse nel 2020 ci daranno qualcosa e forse nella migliore delle ipotesi ci daranno 720 milioni. Sempre che siamo in possesso di una sentenza favorevole dell'arbitro Consob o dell'Anac. Sempre che questi riescano a smaltire in tempi rapidi tutte le domande di ristoro che si annunciano a migliaia.
Questo fantomatico fondo di ristoro (che dovrebbe riguardare, ricordo, oltre 300.000 tra soci e obbligazionisti delle due popolari venete e delle quattro banche risolte del centro Italia) assume sempre di più i connotati di un fantasma: c'è, scompare, riappare mutato. Per ora la unica certezza è che il fondo approvato dal governo Gentiloni con una dotazione modesta ma certa (100 milioni in 4 anni) è sparito e per noi soci azzerati restano solo le promesse, i pagherò contenuti nel documento programmatico di bilancio di un governo in preda a crisi acute e che forse la prossima estate neppure ci sarà. Alla fine ho il terribile presentimento che queste siano solo le ennesime promesse "elettorali" per far finta di fare qualcosa che non si farà. Vedremo spesso le Cassandre ci prendono.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi sono i miserabili?

Leggo sulla stampa le esternazioni volgari e isteriche della signora Paola Taverna. Questa signora( mi permetta di non chiamarla onorevole perchè sarebbe un insulto al termine) allude ai rappresentanti del movimento 5 stelle che dissentono dal pensiero del capo politico (e suo capo) Luigi Di Maio. Come se tutti dovessero adeguarsi al pensiero dominante . Come se fossero membri di un partito totalitario e non membri di un partito nel quale dovrebbe e sottolineo dovrebbe, esistere la dialettica interna e il confronto anche su idee diverse. Taverna ben rappresenta quello che si è, e non da ora, trasformato il movimento 5 stelle: una pletora di tanti ligi e obbedienti rappresentanti al servizio dei vari capi e capetti , che ci sono, eccome, nel movimento, trasformatosi ormai di fatto in partito. Questa gente pensa solo a mantenere la carega e i relativi privilegi. Chi dissente dalla linea del capo viene espulso o ghettizzato. Vietato avere un proprio autonomo punto di vista. Con la assol…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…