Bene l'arresto di Consoli a quando quello di Zonin?

L’ «Associazione soci banche popolari venete» accoglie con soddisfazione la notizia dell'arresto dell'ex amministratore delegato di ‘Veneto Banca’ Vincenzo Consoli e del sequestro pari a 45 milioni di euro effettuato oggi su ordine della procura di Roma.

A  questo punto ci chiediamo quando verrà richiesto lo stesso provvedimento - già ripetutamente ipotizzato da autorevoli personaggi con specifica competenza nel settore - dalla Procura di Vicenza per l'ex presidente della «Banca Popolare di Vicenza» Zonin indagato per gli stessi reati in un contesto che appare più grave rispetto a quello di «Veneto Banca». 

Auspichiamo inoltre che, alla luce delle vicende accertate, la Procura di Roma allarghi l' inchiesta anche ai reati di truffa e associazione a delinquere: un intervento in tal senso comporterebbe tra le altre cose la costituzione di parti civili dei soci buggerati.

Auspichiamo una rapida conclusione delle indagini e il conseguente rinvio a giudizio.

Enzo Guidotto e Francesco Celotto, Presidente e Vice Presidente dell’ «Associazione soci banche popolari venete»

Post più popolari