Passa ai contenuti principali

Un carneade in consiglio regionale

Il Movimento 5 Stelle avrà 4 o 5 (manca ancora la ufficializzazione ) consiglieri nel prossimo consiglio regionale. Uno corrisponde alla provincia di Vicenza:  Marco Dalla Gassa di Marostica. Chi è costui? In pochi lo conoscono nel nostro territorio eppure questo signore ha preso 1251 preferenze. Ha forse fatto una attiva campagna elettorale? Non ci pare. Ha forse fatto significative battaglie e proposte per il territorio?Non ci pare. E' forse apparso con suoi interventi sui mezzi di stampa? Non ci pare. Ha forse portato avanti le istanze di gruppi o persone della zona? Non ci pare. Eppure è stato eletto. Per competenze o meriti specifici? Non ci pare. Dalla Gassa era candidato nella lista del M5S al comune di Marostica nel 2013, risultando uno dei meno votati con circa 30 preferenze. Come si spiega questo risultato? Il prode Dalla Gassa supportato dai suoi sodali Guidolin (consigliera del m5s a Rosà), Ferrazzi (candidato alla camera nel 2013), Conte (consigliere comunale a Bassano ), Bonin (candidato non eletto alle comunali di Tezze nel 2014) ha fatto fuori tutti quelli che si opponevano a lui e al suoi supporters, come, ad esempio, il sottoscritto espulso dal meetup APV nel marzo 2013, facendo piazza pulita di tutte le menti pensanti e di tutti quelli che portavano un pensiero diverso rispetto al mantra di Casaleggio (uno vale uno e tante altre sciocchezze propinate in questi anni alla base pur di difendere il potere di pochi). Una volta eliminati i potenziali nemici il suo gruppo si
è attorniato di soldatini fedeli che hanno reso possibile la elezioni del carneade Dalla Gassa, distintosi forse per organizzare banchetti ma non certo per promuovere azioni e un programma di rilancio e tutela del nostro territorio. Dalla Gassa è un espropriato della Spv eppure mai lo ho visto interessarsi e battersi attivamente contro la costruzione della superstrada. Un perfetto burocrate di apparato che ha raccolto con furbizia i consensi attorno al suo nome, mandando avanti sempre altri pur di non esporsi, anche quando c'era qualcuno da epurare. Un modo di fare da politico opportunista. E' stato abile a convincere gli attivisti della zona a non candidare altri per la zona bassanese alle regionali e organizzare la cordata in suo favore. Uno così non sarà in grado di portare avanti alcuna istanza per il nostro territorio perchè privo di competenze,carisma e capacità politica. Ha usato metodi non trasparenti e tipici dei partiti tradizionali, per fare fuori chi gli dava fastidio, con lo scopo di sedersi su una seggiola ben pagata in consiglio regionale. Con gente così non si cambia nulla. Sono avversari di cartapesta comodi per la giunta Zaia; passeranno i prossimi cinque annni a fare sterile e inefficace opposizione in consiglio. La politica dovrebbe promuovere la competenza e la capacità non i servi furbi.La onestà non può essere sufficiente da sola. L'elettore prima di dare la colpa al governo guardi attentamente a sè stesso. Il carneade Dalla Gassa altri non è che lo specchio fedele di una politica dai contenuti bassissimi. Osserveremo con particolare attenzione se i consiglieri a 5 Stelle manterranno fede agli impegni sottoscritti riguardo al taglio dei loro emolumenti e ai rimborsi spese. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

Bitonci: rivoluzione del ristoro? Solo una mancia per pochi

Secondo Bitonci (sottosegretario al Mef senza deleghe) il "governo del cambiamento" avrebbe messo in atto una rivoluzione dei rimborsi anzi dei ristori per i soci azzerati Veneto Banca e BPVicenza. Si rende conto Bitonci quando parla di quello che dice? Di che rivoluzione blatera? Il fondo di cui parla e che verrà approvato è stato si aumentato a 1500 miliardi dai 100 iniziali riprendendo però in toto la impostazione del fondo ex lege 205 approvato dal precedente esecutivo. Per cui rimborserà solo i soci che dimostreranno il famoso miselling ovvero quei soci che dimostrenanno essere stati oggetto di vendita fraudolenta da parte della banca. Prova non facile da produrre all'arbitro Consob ( o all'Anac vedremo chi sarà). In sostanza se l'esecutivo manterrà come dice Bitonci la impostazione della legge 205 pochi soci saranno rimborsati nonostante l'aumento della disponibilità del fondo che sarà in pratica solo teorico lasciando a bocca asciutta molti soci azzer…

Di Maio: dove sono finiti i valori del M5s? Non si può difendere la carega a ogni costo

Mi chiedo dove siano finiti i valori sui quali è nato e si è affermato il Movimento 5 Stelle. Lo chiedo soprattutto al suo "capo politico e leader" Luigi Di Maio . Affermo anche con molta nettezza che la carega non può essere sempre e continuamente messa sopra ai valori calpestandoli. Il governo del "cambiamento" ha approvato con la complicità del m5s provvedimenti che sono contrari ai principi dello stesso: 1) condono fiscale fino a 500.000 euro con possibilità di sanare posizioni detenute all'estero; 2) dato il via libera alla Tap ( sollevando un polverone in Puglia); 3) accettato e dato il placet alla continuazione di una opera abominevole da tutti i punti di vista come la Superstrada Pedemontana Veneta, nonostante il ministro Toninelli avesse assicurato che si sarebbe proceduto ad una stringente analisi sui costi e benefici. Se lo avessero fatto la avrebbero dovuta bloccare ma avrebbero avuto contro Zaia e la Lega. Così si sono adeguati a tutto pur di non s…