Passa ai contenuti principali

Fusione, ricapitalizzazione, tagli Veneto Banca e BPVicenza. Che accadra?

In queste ora si parla della possibile fusione tra le due ex popolari nostrane. Una ipotesi vera e concretamente sul tavolo dato che si terrà in queste ora un vertice a Milano tra Penati ( presidente di Atlante, azionista di maggioranza ) e i due presidenti delle banche Mion e Anselmi. Fino a qualche tempo fa si pensava, soprattutto a Montebelluna, che una fusione non  fosse interessante e che fosse meglio seguire la strada di una acquisizione o fusione con player creditizi regionali tipo Bper . Ma la situazione è grave anzi peggio di quanto ipotizzato mesi fa, anche perchè nessuno comprerà due banche zeppe di personale, in gran parte inutile ormai dato l'avanzare della banca digitale, di crediti dubbi e di cause legali (circa 10.000 i reclami ad oggi presentati). Che fare dunque? Accelerare e risanare le due banche fondendole e mettendole poi sul mercato con meno personale, piu' accantonamenti e risolvendo le cause in corso con i vecchi soci. I possibili acquirenti hanno messo in campo queste condizioni per valutare la possibile acquisizione del nuovo istituto che nascerebbe dalla fusione. In questo senso starebbe spingendo anche la BCE, vero dominus della situazione. Alternative a questo punto ne vediamo pochine. Anche perchè a breve servirà un ulteriore aumento di capitale per i due istituti. Di quanto? 
Serviranno ulteriori accantonamenti sui crediti dubbi pari a non meno di 1,5 miliardi ( il 10% del totale pari a 15 miliardi), 300 milioni circa per gli esuberi del personale e non meno di 200 milioni da accantonare per le cause e le richieste avanzate dai vecchi soci. Totale non meno di 2 miliardi ma è una stima assai prudenziale. Probabilmente ne serviranno di piu'. Chi li metterà? Il fondo Atlante ha in dotazione ancora poco piu' di un miliardo e credo che il suo interesse sia quello di uscire al piu' presto dalla partita. Ma se non libererà le banche dalle tre zavorre sopracitate sarà difficile vendere. Per cui a questo punto ci auspichiamo una veloce decisione in merito alla fusione accompagnata da un serio piano industriale. La fusione personalmente non ci piace ma arrivati a questo punto la vediamo come la unica alternativa praticabile. Mi auguro che venga attuata in tempi brevi assieme a un deciso sfoltimento degli organici e un forte taglio dei costi (filiali etc ). E' assai arduo pensare di aumentare i ricavi per cui la unica forma per tentare di riportare all'utile le due banche è quella di tagliare in maniera decisa i costi del personale e delle filiali da cui si possono risparmiare fin dal 2017 non meno di 250 milioni.Ossigeno quanto mai necessario per due zombie-banks.
Di questo e altro parleremo nel corso della prossima assemblea pubblica della associazione prevista a Falzè di Trevignano il giorno 11 novembre e di cui allego locandina. Ricordo anche che il giorno 16 novembre è prevista la assemblea di Veneto Banca per votare la azione di responsabilità contro Consoli & c. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

Bitonci: rivoluzione del ristoro? Solo una mancia per pochi

Secondo Bitonci (sottosegretario al Mef senza deleghe) il "governo del cambiamento" avrebbe messo in atto una rivoluzione dei rimborsi anzi dei ristori per i soci azzerati Veneto Banca e BPVicenza. Si rende conto Bitonci quando parla di quello che dice? Di che rivoluzione blatera? Il fondo di cui parla e che verrà approvato è stato si aumentato a 1500 miliardi dai 100 iniziali riprendendo però in toto la impostazione del fondo ex lege 205 approvato dal precedente esecutivo. Per cui rimborserà solo i soci che dimostreranno il famoso miselling ovvero quei soci che dimostrenanno essere stati oggetto di vendita fraudolenta da parte della banca. Prova non facile da produrre all'arbitro Consob ( o all'Anac vedremo chi sarà). In sostanza se l'esecutivo manterrà come dice Bitonci la impostazione della legge 205 pochi soci saranno rimborsati nonostante l'aumento della disponibilità del fondo che sarà in pratica solo teorico lasciando a bocca asciutta molti soci azzer…

Di Maio: dove sono finiti i valori del M5s? Non si può difendere la carega a ogni costo

Mi chiedo dove siano finiti i valori sui quali è nato e si è affermato il Movimento 5 Stelle. Lo chiedo soprattutto al suo "capo politico e leader" Luigi Di Maio . Affermo anche con molta nettezza che la carega non può essere sempre e continuamente messa sopra ai valori calpestandoli. Il governo del "cambiamento" ha approvato con la complicità del m5s provvedimenti che sono contrari ai principi dello stesso: 1) condono fiscale fino a 500.000 euro con possibilità di sanare posizioni detenute all'estero; 2) dato il via libera alla Tap ( sollevando un polverone in Puglia); 3) accettato e dato il placet alla continuazione di una opera abominevole da tutti i punti di vista come la Superstrada Pedemontana Veneta, nonostante il ministro Toninelli avesse assicurato che si sarebbe proceduto ad una stringente analisi sui costi e benefici. Se lo avessero fatto la avrebbero dovuta bloccare ma avrebbero avuto contro Zaia e la Lega. Così si sono adeguati a tutto pur di non s…