Passa ai contenuti principali

Fusione, ricapitalizzazione, tagli Veneto Banca e BPVicenza. Che accadra?

In queste ora si parla della possibile fusione tra le due ex popolari nostrane. Una ipotesi vera e concretamente sul tavolo dato che si terrà in queste ora un vertice a Milano tra Penati ( presidente di Atlante, azionista di maggioranza ) e i due presidenti delle banche Mion e Anselmi. Fino a qualche tempo fa si pensava, soprattutto a Montebelluna, che una fusione non  fosse interessante e che fosse meglio seguire la strada di una acquisizione o fusione con player creditizi regionali tipo Bper . Ma la situazione è grave anzi peggio di quanto ipotizzato mesi fa, anche perchè nessuno comprerà due banche zeppe di personale, in gran parte inutile ormai dato l'avanzare della banca digitale, di crediti dubbi e di cause legali (circa 10.000 i reclami ad oggi presentati). Che fare dunque? Accelerare e risanare le due banche fondendole e mettendole poi sul mercato con meno personale, piu' accantonamenti e risolvendo le cause in corso con i vecchi soci. I possibili acquirenti hanno messo in campo queste condizioni per valutare la possibile acquisizione del nuovo istituto che nascerebbe dalla fusione. In questo senso starebbe spingendo anche la BCE, vero dominus della situazione. Alternative a questo punto ne vediamo pochine. Anche perchè a breve servirà un ulteriore aumento di capitale per i due istituti. Di quanto? 
Serviranno ulteriori accantonamenti sui crediti dubbi pari a non meno di 1,5 miliardi ( il 10% del totale pari a 15 miliardi), 300 milioni circa per gli esuberi del personale e non meno di 200 milioni da accantonare per le cause e le richieste avanzate dai vecchi soci. Totale non meno di 2 miliardi ma è una stima assai prudenziale. Probabilmente ne serviranno di piu'. Chi li metterà? Il fondo Atlante ha in dotazione ancora poco piu' di un miliardo e credo che il suo interesse sia quello di uscire al piu' presto dalla partita. Ma se non libererà le banche dalle tre zavorre sopracitate sarà difficile vendere. Per cui a questo punto ci auspichiamo una veloce decisione in merito alla fusione accompagnata da un serio piano industriale. La fusione personalmente non ci piace ma arrivati a questo punto la vediamo come la unica alternativa praticabile. Mi auguro che venga attuata in tempi brevi assieme a un deciso sfoltimento degli organici e un forte taglio dei costi (filiali etc ). E' assai arduo pensare di aumentare i ricavi per cui la unica forma per tentare di riportare all'utile le due banche è quella di tagliare in maniera decisa i costi del personale e delle filiali da cui si possono risparmiare fin dal 2017 non meno di 250 milioni.Ossigeno quanto mai necessario per due zombie-banks.
Di questo e altro parleremo nel corso della prossima assemblea pubblica della associazione prevista a Falzè di Trevignano il giorno 11 novembre e di cui allego locandina. Ricordo anche che il giorno 16 novembre è prevista la assemblea di Veneto Banca per votare la azione di responsabilità contro Consoli & c. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi sono i miserabili?

Leggo sulla stampa le esternazioni volgari e isteriche della signora Paola Taverna. Questa signora( mi permetta di non chiamarla onorevole perchè sarebbe un insulto al termine) allude ai rappresentanti del movimento 5 stelle che dissentono dal pensiero del capo politico (e suo capo) Luigi Di Maio. Come se tutti dovessero adeguarsi al pensiero dominante . Come se fossero membri di un partito totalitario e non membri di un partito nel quale dovrebbe e sottolineo dovrebbe, esistere la dialettica interna e il confronto anche su idee diverse. Taverna ben rappresenta quello che si è, e non da ora, trasformato il movimento 5 stelle: una pletora di tanti ligi e obbedienti rappresentanti al servizio dei vari capi e capetti , che ci sono, eccome, nel movimento, trasformatosi ormai di fatto in partito. Questa gente pensa solo a mantenere la carega e i relativi privilegi. Chi dissente dalla linea del capo viene espulso o ghettizzato. Vietato avere un proprio autonomo punto di vista. Con la assol…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…