Passa ai contenuti principali

La paura (infondata) del bail in di VB e BPVi

In questi giorni certa stampa economica e non sta agitando con forza lo spauracchio del bail in per le due ex popolari.
Ipotesi totalmente peregrina ed infondata evocata con l'unico scopo di fare pressione per fare firmare la transazione ai vecchi soci.
Il bail in non accadrà per alcune semplici ragioni:

1) il sistema bancario ha già iniettato nelle due banche 3,5 miliardi che se queste fallissero andrebbero in fumo. Se avessero voluto farle fallire lo avrebbero fatto ben prima di adesso ad esempio in occasione dell'aumento di capitale dell'anno scorso. Invece si sono inventati un bail in mascherato con la creazione del fondo Atlante;

2) se volessero farle fallire lo stato non avrebbe attivato la garanzia statale sugli ultimi bond emessi dalle banche per avere un interesse basso sulle emissioni stesse. In caso di bail in queste emissioni sarebbero a rischio;

3) lo Stato non avrebbe messo in campo 20 miliardi di euro di aumento del debito pubblico per gli aumenti di capitale precauzionali necessari per MPS, le due venete e forse Carige o altri istituti in crisi (ad esempio Banca Popolare di Bari).

In questo momento la BCE e la UE stanno negoziando con il governo italiano il salvataggio di queste banche che se dovessero fallire porterebbero al collasso l'intero sistema bancario italiano.
La BCE vuole che i vecchi soci firmino per eliminare i costi di possibili contenziosi legali e per fare questo ha bisogno di evocare lo spettro del fallimento: prendere o lasciare.
Per fare appunto pressione sui soci per firmare la transazione.
L'altro punto sul quale è in corso una sorta di braccio di ferro con l'Europa è quello riguardante gli npl. Bruxelles non vuole che l'aumento di capitale precauzionale dei due istituti a carico del Tesoro, che dovrebbe valere circa 5-6 miliardi, serva per coprire le perdite derivanti da accantonamenti sui crediti deteriorati, pari a circa 17 miliardi. Se si applicasse questa idea non si capisce chi e come coprirebbe queste perdite. Privati disposti ad investire sulle due banche a queste condizioni non ce ne sono e pertanto la unica va di uscita è quella di coprire le ingenti perdite (non meno appunto di 5-6 miliardi ma alla fine non basteranno) con denaro pubblico.
La vera partita politica è questa e si sta giocando sulla pelle dei vecchi soci.
L'altro punto delicatissimo del quale oggi non si parla, è quello riguardante la gestione del personale in esubero. Non meno di 4-5.000 persone. Altro nodo costoso e ad oggi irrisolto.
Una possibile mina sociale che comunque una volta chiusa la transazione con i soci, approvato il bilancio 2016 e il relativo aumento di capitale e la fusione (non prima di novembre-dicembre 2017) andrà affrontato. Nel frattempo con due banche-zombie, ferme, incapaci di attirare nuovi clienti e una snervante partita in corso con Bruxelles (e soprattutto con i soci di maggioranza dell'Europa ovvero i tedeschi) a fine 2017 si saranno accumulate altre sostanziose perdite. Il conto totale alla fine, ne sono quasi certo, sarà di 10 miliardi tra buchi da coprire sui crediti, costi di ristrutturazione per il personale in esubero etc. Le due anatre zoppe venete alla fine avranno bruciato tra passati e nuovi aumenti di capitale la cifra mostruosa di quasi 25 miliardi di euro. Due banchette che hanno perso quasi i soldi di MPS, terzo istituto italiano. Il tutto, come accade da troppo in Italia e in Europa (vedi caso Grecia) per non aver voluto affrontare i problemi per tempo, continuando a far finta di nulla. Politica in primis. Ma anche una sostanziosa parte di società civile. 

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Siamo finiti in un cul de sac

Siamo un paese in crisi dal 2008. Abbiamo perso il 10% del pil, il 25% di capacità produttiva, il debito pubblico è in aumento e non si vede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. Il 2015 non sarà l'anno della svolta. Siamo proprio così sicuri che tanti vogliano davvero cambiare? L'Italia ha uno uno degli indici di fertilità piu' basso tra i paesi occidentali. Ha quasi 18 milioni di pensionati. I pensionati vogliono cambiare? L'Italia nonostante la crisi è un paese in cui le famiglie detengono un elevato risparmio (in aumento) e l'80% circa possiede almeno una casa di proprietà. L'Italia è un paese in cui il debito delle famiglie è tra i piu' bassi del mondo occidentale in rapporto al pil. Manca un detonatore che sia in grado di cambiare gli equilibri sociali. Manca in Italia un fenomeno come Gli Indignados spagnoli, nato dal problema degli sfratti di massa delle famiglie in seguito al mancato pagamento dei mutui. Fenomeno dal quale nacque il par…

Una proposta di buonsenso per risarcire i soci di Veneto Banca e BPVI

Credo che giunti a questo punto per i soci delle ex Banche Popolari Venete ora il liquidazione coatta amministrativa non restino molte vie per accedere a qualche forma di ristoro.
La via giudiziaria appare infatti impervia e destinata alla prescrizione con la conseguenza di rendere di fatto impossibili risarcimenti se non per i casi più eclatanti(in ogni caso in sede civile) e comunque circoscritta ai soci che abbiano acquistato le azioni nell'ultimo periodo, indicativamente dal 2012 in poi. Periodo nel quale è più facile dimostrare la truffa in sede giudiziaria, agendo ad esempio anche contro le società di revisione, o di arbitrato Anac. Negli altri casi appare difficile che i soci possano conseguire qualcosa, essendo complesso nel nostro ordinamento dimostrare la truffa. 
Il fondo per le vittime di reati finanziari, ammesso che veda il via (ad oggi non abbiamo notizie in merito) comporterà risarcimenti per pochi dati i modesti fondi a disposizione (100 milioni per quattro anni …