Passa ai contenuti principali

Crisi o non crisi la giunta Zaia continua a proporre cemento e infrastrutture

Risultati immagini per cemento


La DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 159 del 13 febbraio 2015 avente per oggetto: “Programma Infrastrutture Strategiche. XII° Allegato infrastrutture. Approvazione dell'elenco aggiornato delle opere infrastrutturali ritenute strategiche ed indifferibili per la Regione del Veneto. L. 21 dicembre 2001, n. 443.” Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 21 del 3 marzo 2015 prevede la lista aggiornata delle opere strategiche. La delibera è accompagnata da tre allegati che confermano tutto il programma di infrastrutture degli anni 90, persino con qualche aggiunta. Sembra che la crisi dei consumi e delle produzioni, il riordino della rete produttiva e distributiva, la stagione appena passata di corruzione, anziché invogliare una salutare riflessione e una necessaria cautela abbia costretto a improvvise accelerazioni del “fare”. Particolarmente interessante il programma delle opere perché è di facile comprensione e completo sui vari nodi della rete. Si tratta principalmente di opere viarie ma non sono le sole.
Nell’allegato 1 sono compresi gli interventi da confermare. Si tratta di 42 interventi per un valore complessivo di investimenti di 37,5 miliardi di euro. La ricognizione, sommatoria delle tante richieste regionali e territoriali, non tratta il quadro delle risorse effettivamente disponibili. Le cifre maggiori, superiori al miliardo di euro, riguardano la Orte Mestre ( 10.065, 60 milioni di euro); il porto d’altura di Venezia ( 2.467 milioni di euro); la Superstrada Pedemontana Veneta ( 2.258 milioni di euro); il sistema Mo.S.E. ( 5.496,16 milioni di euro); Autostrada A27 e valichi ( 1.200 milioni di euro); il sistema delle tangenziali venete ( 2.230 milioni di euro);la tratta AC AV Brescia Verona ( 3.954 milioni di euro); la tratta AC AV Verona Padova ( 6.051 milioni di euro); la nuova linea AC AV  Venezia Marco Polo – Portogruaro ( 2.683,30 milioni di euro); la nuova linea AC AV Portogruaro Ronchi ( 2.246 milioni di euro); raccordo autostradale Cisa – Brennero (2.217,43 milioni di euro); autostrada Valdastico Nord (1.923,39 milioni di euro).L’allegato 2  titola interventi da inserire. Si tratta di 8 nuovi interventi strategici di valenza nazionale per un valore complessivo superiore a 3,7 miliardi di euro.Accanto alla galleria di Coltrondo; la tangenziale di Vicenza, Verona e Treviso; la viabilità di raccordo della SPV.  La spesa maggiore di 2,7 miliardi di euro è necessaria alle opere strategiche per la riduzione del rischio idraulico delle infrastrutture nel territorio della Regione Veneto. Questa dichiarazione da sola rende chiaro e drammatico il quadro ambientale ed economico dello stravolgimento generale infrastrutture pianificate nella nostra Regione. L’allegato 3 riporta 3 interventi da stralciare. Si tratta di interventi stralciati perché già conclusi ( Casello autostradale di Meolo, tratta terza corsia Quarto S. Donà, raddoppio ferroviario Bologna Verona).
Francamente un piano aggiornato di costo superiore a 40 miliardi di euro dà esattamente la dimensione tragica della mancata capacità di selezionare i bisogni e quindi le opere nella nostra Regione. Quante autostrade parzialmente vuote come la Bre.Be.Mi. dovremo avere perché la politica decida di dire stop a consumismo e gigantismo? Ammesso e non concesso che li avessimo a disposizione 40 miliardi di euro perchè  metterli tutti su infrastrutture o non è invece necessario coltivare ricerca, innovazione, formazione, politiche industriali perché serve nella competizione globale un mix intelligente di fattori? In genere un paese che investe in gigantesche e inutili opere pubbliche e per contro investe poco in ricerca, sviluppo, salvaguardia e tutela del territorio presenta alti indici di corruzione. La strada da prendere è esattamente la opposta di quella che ci propone la giunta Zaia e che non trova neppure nella parte avversaria (il Pd) una valida proposta e modello alternativo. Tutti dal Pd al Pdl concordi nel promuovere questo tipo di "sviluppo"basato sulle grandi opere.  Sarà, scommetteteci, un tema caldo della prossima campagna elettorale.

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Siamo finiti in un cul de sac

Siamo un paese in crisi dal 2008. Abbiamo perso il 10% del pil, il 25% di capacità produttiva, il debito pubblico è in aumento e non si vede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. Il 2015 non sarà l'anno della svolta. Siamo proprio così sicuri che tanti vogliano davvero cambiare? L'Italia ha uno uno degli indici di fertilità piu' basso tra i paesi occidentali. Ha quasi 18 milioni di pensionati. I pensionati vogliono cambiare? L'Italia nonostante la crisi è un paese in cui le famiglie detengono un elevato risparmio (in aumento) e l'80% circa possiede almeno una casa di proprietà. L'Italia è un paese in cui il debito delle famiglie è tra i piu' bassi del mondo occidentale in rapporto al pil. Manca un detonatore che sia in grado di cambiare gli equilibri sociali. Manca in Italia un fenomeno come Gli Indignados spagnoli, nato dal problema degli sfratti di massa delle famiglie in seguito al mancato pagamento dei mutui. Fenomeno dal quale nacque il par…

Una proposta di buonsenso per risarcire i soci di Veneto Banca e BPVI

Credo che giunti a questo punto per i soci delle ex Banche Popolari Venete ora il liquidazione coatta amministrativa non restino molte vie per accedere a qualche forma di ristoro.
La via giudiziaria appare infatti impervia e destinata alla prescrizione con la conseguenza di rendere di fatto impossibili risarcimenti se non per i casi più eclatanti(in ogni caso in sede civile) e comunque circoscritta ai soci che abbiano acquistato le azioni nell'ultimo periodo, indicativamente dal 2012 in poi. Periodo nel quale è più facile dimostrare la truffa in sede giudiziaria, agendo ad esempio anche contro le società di revisione, o di arbitrato Anac. Negli altri casi appare difficile che i soci possano conseguire qualcosa, essendo complesso nel nostro ordinamento dimostrare la truffa. 
Il fondo per le vittime di reati finanziari, ammesso che veda il via (ad oggi non abbiamo notizie in merito) comporterà risarcimenti per pochi dati i modesti fondi a disposizione (100 milioni per quattro anni …