Passa ai contenuti principali

Questa volta hanno vinto i gufi!

Eh si caro Renzi te lo dico anzi te lo urlo: hanno vinto(finalmente) i gufi! Sana lezione!
Questa volta cari renzini avete ricevuto una bella sberla sulle vostre sbarbatelle e arroganti faccette spesso tronfie e presuntuose (de che poi non si sa ).

A caldo dico questo sul turno di ballottaggio alle amministrative: 

1) si afferma in modo simbolico il m5s. In modo simbolico perchè su 20 capoluoghi di provincia dove si è andati al ballottaggio solo 3 sono appannaggio dei pentastellati. Certo sono comuni pesanti ma sempre 3 su 20 = 15%. Una percentuale ancora bassa anche perchè il m5s è poco radicato territorialmente anzi in alcune regioni è assente. Se vorrà imporsi alle prossime elezioni nazionali dovrà dotarsi di una struttura e di una classe dirigente all'altezza e radicata sul territorio.
Il governo di Roma e Torino sarà comunque un bel banco di prova in vista delle elezioni politiche previste per il 2018. Adesso M5S ha la possibilità di dimostrare se è un partito di governo o solo di protesta. Diamo tempo al tempo e lasciamoli lavorare;

2) perde e netto il Pd. Ha vinto 9 ballottaggi su 20 ma perde Roma (scontato) e Torino (sorpresa). Si salva per il rotto della cuffia (e per l'appoggio last minute della sinistra di Rizzo) a Milano, evitando un cappotto clamoroso dopo aver perso al primo turno anche a Napoli.
Lo storytelling di Renzi ha esaurito il suo effetto. Le europee di due anni fa sembrano distanti anni luce. Una sberla in faccia a una classe politica intrisa di giovinotti rampanti ma dalla dubbia capacità politica. Il bellimbusto di Firenze dovrà stare attento perchè rischia grosso. Spero insegni al bulletto a essere meno pomposo, meno giocosamente e scioccamente ottimista e soprattutto ad ascoltare chi non la pensa come lui.
Un segnale forte ad un governo farlocco, che ha fatto promesse a vanvera raccontando storielle inverosimili su un paese che esiste solo nelle loro teste ma non nella realtà;

3) il centro destra porta a casa 10 comuni capoluoghi su 20 al ballottaggio e dimostra che se tornasse ad essere unito potrebbe ancora costituire una seria minaccia per il Pd e M5s. Dipenderà anche da quello che accadrà a Berlusconi. Non datelo per morto troppo in fretta.

In sintesi: un paese che ha dato un segnale forte in vista del referendum e delle politiche, ma un test comunque locale anche se importante. Da segnalare infine che ha votato il 50% circa dell'elettorato segnale di forte disaffezione verso la politica, M5S compreso. 

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Resterà qualcosa per i vecchi soci di Veneto Banca e BPVicenza?

La ingloriosa fine delle due Popolari nostrane significa la perdita e l'azzeramento totale del valore delle azioni, peraltro già quasi azzerate valendo alla fine solo 0,10 euro. Ora i commissari dovranno vendere gli assets rimasti e pagare i debiti. Resterà qualcosa per i vecchi soci?  Ricordo che i vecchi soci sono creditori chirografari e quindi di ultimo grado o non privilegiati Prima vanno pagati tutti gli altri e solo se resta qualcosa verranno liquidati i chirografari. Leggendo la relazione ministeriale al d.l. 99 del 25 giugno poi trasformato in legge il 27 luglio scorso che ha decretato la liquidazione coatta amministrativa di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza si evince che gli attivi sarebbero pari a 11,6 miliardi di cui 9,9 realizzati attraverso la gestione degli npl (non performing loans crediti in sofferenza ) ceduti a SGA spa. La relazione prevede che i crediti in sofferenza, in base alla valutazione della Banca d'Italia, vengano incassati al 46,9% del lor…

Siamo finiti in un cul de sac

Siamo un paese in crisi dal 2008. Abbiamo perso il 10% del pil, il 25% di capacità produttiva, il debito pubblico è in aumento e non si vede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. Il 2015 non sarà l'anno della svolta. Siamo proprio così sicuri che tanti vogliano davvero cambiare? L'Italia ha uno uno degli indici di fertilità piu' basso tra i paesi occidentali. Ha quasi 18 milioni di pensionati. I pensionati vogliono cambiare? L'Italia nonostante la crisi è un paese in cui le famiglie detengono un elevato risparmio (in aumento) e l'80% circa possiede almeno una casa di proprietà. L'Italia è un paese in cui il debito delle famiglie è tra i piu' bassi del mondo occidentale in rapporto al pil. Manca un detonatore che sia in grado di cambiare gli equilibri sociali. Manca in Italia un fenomeno come Gli Indignados spagnoli, nato dal problema degli sfratti di massa delle famiglie in seguito al mancato pagamento dei mutui. Fenomeno dal quale nacque il par…