Passa ai contenuti principali

Un veneto piccolo, provinciale, campanilistico

In questi anni ho conosciuto come non mai il veneto, i suoi pregi (pochi), i suoi difetti (molti).
Una regione sinceramente di confine, provinciale, nella quale abbondano solo i campanili e gli individualismi. Un veneto piccolo incapace di esprimere una classe dirigente all'altezza a tutti i livelli, politico in primis. Basti pensare che in una regione di nani primeggia e assurge al livello di statista uno come Zaia, considerato tra i governatori piu' popolari tra le regioni d'italia. A suggello della pochezza degli elettori non certo dello stesso Zaia, aquila tra anatre. Che dire? 
Il panorama di questa regione è semplicemente desolante e ne sono testimone in prima persona avendo promosso battaglie su temi ambientali ed economici. Sull'ambiente i veneti sono totalmente assenti, come se fosse un problema che non li tocca. A partire dal disastro del Mose per finire alla sciagurata Superstrada Pedemontana Veneta. Per non parlare del vero disastro ambientale e cioè i pfas nella valle dell'Agno. Nessuno ne parla, tutti se ne fregano. Sul tema delle due popolari di fatto fallite, abbiamo assistito a un generale processo di rimozione delle responsabilità addossate unicamente a Zonin e Consoli. Come se quei due non avessero potuto arrivare a fare quel che hanno fatto senza la complicità di certi poteri, di certi controllori farlocchi, di certa magistratura, che regolarmente insabbiò tutte le inchieste a carico soprattutto di Zonin, di certi gruppi e organizzazioni di categoria che ricevevano magari lauti finanziamenti senza garanzie, ma anche di una fetta non indifferente di risparmiatori che credevano al cavaliere  Gianni da Gambellara e al ragioniere Vincenzo da Miglianico. Una delega in bianco che nasce da una sostanziale pigrizia, per non usare termini peggiori, dei veneti ad informarsi, leggere, capire, approfondire. Sempre delegare tutto, fregandosene, senza la capacità neppure di occuparsi dei propri soldi per non parlare ovviamente del bene pubblico. Una regione di grande manifattura abituata ad usare tanto le mani, a lavorare sodo, ma forse poco incline alla cultura, incapace di capire ancora oggi i profondi cambiamenti in atto. Una regione conservatrice, rurale di fondo, dove il numero dei laureati è,lo ricordo, tra i più bassi d'Italia in rapporto alla popolazione. Una regione dove taluni ancora pensano che il mattone e il cemento possano portare prosperità. 
Il veneto oggi è una regione culturalmente ed economicamente piccola rispetto a qualche anno fa, con una popolazione con una elevata età media (44 anni), poco incline alle rivoluzioni anzi ostinatamente conservatrice. Una regione dove Zaia ha buon gioco a parlare di una autonomia (alla quale per primo non crede) prendendo in giro i tanti "bauchi" che credono ancora a queste panzanate degne della festa della salsiccia. Invece di pensare ai problemi di una regione attanagliata da enormi problemi ambientali ed economici. Ma si sa Zaia sa usare bene con i suoi corregionali questi strumenti di distrazione di massa. I veneti dovrebbero occuparsi di cose serie; invece vanno in 5.000 in piazza se arrivano a Giavera 10 persone di colore e sono in 200 in piazza a Montebelluna a protestare contro Veneto Banca che ha distrutto i risparmi di una vita. Sindrome da servi del paron che ancora oggi nel 2017 dicono "comandi". 

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

Bitonci: rivoluzione del ristoro? Solo una mancia per pochi

Secondo Bitonci (sottosegretario al Mef senza deleghe) il "governo del cambiamento" avrebbe messo in atto una rivoluzione dei rimborsi anzi dei ristori per i soci azzerati Veneto Banca e BPVicenza. Si rende conto Bitonci quando parla di quello che dice? Di che rivoluzione blatera? Il fondo di cui parla e che verrà approvato è stato si aumentato a 1500 miliardi dai 100 iniziali riprendendo però in toto la impostazione del fondo ex lege 205 approvato dal precedente esecutivo. Per cui rimborserà solo i soci che dimostreranno il famoso miselling ovvero quei soci che dimostrenanno essere stati oggetto di vendita fraudolenta da parte della banca. Prova non facile da produrre all'arbitro Consob ( o all'Anac vedremo chi sarà). In sostanza se l'esecutivo manterrà come dice Bitonci la impostazione della legge 205 pochi soci saranno rimborsati nonostante l'aumento della disponibilità del fondo che sarà in pratica solo teorico lasciando a bocca asciutta molti soci azzer…

Di Maio: dove sono finiti i valori del M5s? Non si può difendere la carega a ogni costo

Mi chiedo dove siano finiti i valori sui quali è nato e si è affermato il Movimento 5 Stelle. Lo chiedo soprattutto al suo "capo politico e leader" Luigi Di Maio . Affermo anche con molta nettezza che la carega non può essere sempre e continuamente messa sopra ai valori calpestandoli. Il governo del "cambiamento" ha approvato con la complicità del m5s provvedimenti che sono contrari ai principi dello stesso: 1) condono fiscale fino a 500.000 euro con possibilità di sanare posizioni detenute all'estero; 2) dato il via libera alla Tap ( sollevando un polverone in Puglia); 3) accettato e dato il placet alla continuazione di una opera abominevole da tutti i punti di vista come la Superstrada Pedemontana Veneta, nonostante il ministro Toninelli avesse assicurato che si sarebbe proceduto ad una stringente analisi sui costi e benefici. Se lo avessero fatto la avrebbero dovuta bloccare ma avrebbero avuto contro Zaia e la Lega. Così si sono adeguati a tutto pur di non s…