Passa ai contenuti principali

Un veneto piccolo, provinciale, campanilistico

In questi anni ho conosciuto come non mai il veneto, i suoi pregi (pochi), i suoi difetti (molti).
Una regione sinceramente di confine, provinciale, nella quale abbondano solo i campanili e gli individualismi. Un veneto piccolo incapace di esprimere una classe dirigente all'altezza a tutti i livelli, politico in primis. Basti pensare che in una regione di nani primeggia e assurge al livello di statista uno come Zaia, considerato tra i governatori piu' popolari tra le regioni d'italia. A suggello della pochezza degli elettori non certo dello stesso Zaia, aquila tra anatre. Che dire? 
Il panorama di questa regione è semplicemente desolante e ne sono testimone in prima persona avendo promosso battaglie su temi ambientali ed economici. Sull'ambiente i veneti sono totalmente assenti, come se fosse un problema che non li tocca. A partire dal disastro del Mose per finire alla sciagurata Superstrada Pedemontana Veneta. Per non parlare del vero disastro ambientale e cioè i pfas nella valle dell'Agno. Nessuno ne parla, tutti se ne fregano. Sul tema delle due popolari di fatto fallite, abbiamo assistito a un generale processo di rimozione delle responsabilità addossate unicamente a Zonin e Consoli. Come se quei due non avessero potuto arrivare a fare quel che hanno fatto senza la complicità di certi poteri, di certi controllori farlocchi, di certa magistratura, che regolarmente insabbiò tutte le inchieste a carico soprattutto di Zonin, di certi gruppi e organizzazioni di categoria che ricevevano magari lauti finanziamenti senza garanzie, ma anche di una fetta non indifferente di risparmiatori che credevano al cavaliere  Gianni da Gambellara e al ragioniere Vincenzo da Miglianico. Una delega in bianco che nasce da una sostanziale pigrizia, per non usare termini peggiori, dei veneti ad informarsi, leggere, capire, approfondire. Sempre delegare tutto, fregandosene, senza la capacità neppure di occuparsi dei propri soldi per non parlare ovviamente del bene pubblico. Una regione di grande manifattura abituata ad usare tanto le mani, a lavorare sodo, ma forse poco incline alla cultura, incapace di capire ancora oggi i profondi cambiamenti in atto. Una regione conservatrice, rurale di fondo, dove il numero dei laureati è,lo ricordo, tra i più bassi d'Italia in rapporto alla popolazione. Una regione dove taluni ancora pensano che il mattone e il cemento possano portare prosperità. 
Il veneto oggi è una regione culturalmente ed economicamente piccola rispetto a qualche anno fa, con una popolazione con una elevata età media (44 anni), poco incline alle rivoluzioni anzi ostinatamente conservatrice. Una regione dove Zaia ha buon gioco a parlare di una autonomia (alla quale per primo non crede) prendendo in giro i tanti "bauchi" che credono ancora a queste panzanate degne della festa della salsiccia. Invece di pensare ai problemi di una regione attanagliata da enormi problemi ambientali ed economici. Ma si sa Zaia sa usare bene con i suoi corregionali questi strumenti di distrazione di massa. I veneti dovrebbero occuparsi di cose serie; invece vanno in 5.000 in piazza se arrivano a Giavera 10 persone di colore e sono in 200 in piazza a Montebelluna a protestare contro Veneto Banca che ha distrutto i risparmi di una vita. Sindrome da servi del paron che ancora oggi nel 2017 dicono "comandi". 

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi sono i miserabili?

Leggo sulla stampa le esternazioni volgari e isteriche della signora Paola Taverna. Questa signora( mi permetta di non chiamarla onorevole perchè sarebbe un insulto al termine) allude ai rappresentanti del movimento 5 stelle che dissentono dal pensiero del capo politico (e suo capo) Luigi Di Maio. Come se tutti dovessero adeguarsi al pensiero dominante . Come se fossero membri di un partito totalitario e non membri di un partito nel quale dovrebbe e sottolineo dovrebbe, esistere la dialettica interna e il confronto anche su idee diverse. Taverna ben rappresenta quello che si è, e non da ora, trasformato il movimento 5 stelle: una pletora di tanti ligi e obbedienti rappresentanti al servizio dei vari capi e capetti , che ci sono, eccome, nel movimento, trasformatosi ormai di fatto in partito. Questa gente pensa solo a mantenere la carega e i relativi privilegi. Chi dissente dalla linea del capo viene espulso o ghettizzato. Vietato avere un proprio autonomo punto di vista. Con la assol…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…