Passa ai contenuti principali

Il rompiscatole non si candida (e non vota) alle regionali

Visto che da qualche parte mi è giunta questa domanda sento il dovere di informare amici, conoscenti, nemici, detrattori (tanti) che non mi candido per le prossime elezioni regionali. Non ne vale la pena, non esiste oggi una sola forza politica nella quale mi riconosca e nella quale meriti spendere energie, tempo e denaro. Oggi la politica è autoreferenziale, delle bande di affari che servono ad accontentare alcuni precisi blocchi sociali. Ha senso oggi parlare di politica? Meglio parlare di affarismo. Fino a quando non tornerà di moda in politica la intelligenza, il merito, la competenza il sottoscritto eviterà con cura di schierarsi per qualche partito. Oggi siamo circondati dal nulla; la grandissima maggioranza dei candidati rappresentano al meglio questo nulla riempito al piu' da qualche contenuto di marketing totalmente privo di idee, programmi, principi. O forse questa è la politica del ventunesimo secolo: uno spettacolo mediatico in cui chi fa proclami o urla è visibile, popolare, ottiene consenso. Uno spettacolo disgustoso nel quale non ho alcuna intenzione di mettere la faccia.

Ha senso invece lavorare sul territorio, fare attivismo, occuparsi delle emergenze delle nostre città. Ho creduto come tanti nel M5S e sappiamo tutti come è finita. Un movimento che poteva cambiare il corso della storia del nostro paese, ma invece serviva, probabilmente, da sfogatoio sociale, per incanalare lo scontento verso forme pacifiche di protesta, evitando troppe tensioni sociali. La politica di oggi prevede delle belle statuine, fedeli, veloci, tecnologiche. Guai ad essere autonomi o dotati di una propria opinione. Tutto è messo al servizio del carrierismo e della poltrona, affogato in una meschinità senza limiti e senza ritegno. Il politico di oggi non ha dignità, nè orgoglio. Conta solo la seggiola e le prebende varie, come se non fosse possibile fare politica attiva anche al di fuori delle istituzioni. Io non sono adatto a questa politica. Non sono un servo furbo, non so stare al mio posto, non sono diplomatico e soprattutto, cosa pericolosa per il sistema, sono un rompiballe con qualche neurone ancora funzionante. Lo usero' per portare avanti le battaglie che mi appassionano e che hanno contraddistinto la mia azione. Se poi un giorno verrà fondato un partito o movimento serio mi candiderò di nuovo. Mi ritengo molto migliore di quasi tutti i politici che vedo, ho incontrato  nel talk show e che ho conosciuto nel corso di questi anni. Il mio è uno stand-by temporaneo in vista magari delle elezioni nazionali del 2018 o perchè no, in vista delle comunali a bassano del 2019. La mia città ha bisogno di competenze e capacità. Vedremo.
Approfitto invece per annunciare una scoppiettante novità editoriale a cui sto lavorando con alcuni amici e che presto verrà la luce.
Per tutti i motivi suesposti alle prossime regionali non votero': se non ha senso candidarsi ancora meno senso ha esprimere una preferenza elettorale per la indecente, impresentabile, non credibile classe politica nostrana.
In questo modo vengono smentiti i tanti grillini astiosi e invidiosi che mi avevano dato del "caregaro". Forse qualcuno di loro ha bisogno di uno stipendio o di un lavoro, essendo magari disoccupato. Io no. E siccome quello che conta è la coerenza penso di avere dimostrato chi sono. Loro, i grillini, devono invece ancora spiegare agli elettori cosa vogliono fare da grandi in politica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Una proposta di buonsenso per risarcire i soci di Veneto Banca e BPVI

Credo che giunti a questo punto per i soci delle ex Banche Popolari Venete ora il liquidazione coatta amministrativa non restino molte vie per accedere a qualche forma di ristoro.
La via giudiziaria appare infatti impervia e destinata alla prescrizione con la conseguenza di rendere di fatto impossibili risarcimenti se non per i casi più eclatanti(in ogni caso in sede civile) e comunque circoscritta ai soci che abbiano acquistato le azioni nell'ultimo periodo, indicativamente dal 2012 in poi. Periodo nel quale è più facile dimostrare la truffa in sede giudiziaria, agendo ad esempio anche contro le società di revisione, o di arbitrato Anac. Negli altri casi appare difficile che i soci possano conseguire qualcosa, essendo complesso nel nostro ordinamento dimostrare la truffa. 
Il fondo per le vittime di reati finanziari, ammesso che veda il via (ad oggi non abbiamo notizie in merito) comporterà risarcimenti per pochi dati i modesti fondi a disposizione (100 milioni per quattro anni …

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…