Passa ai contenuti principali

MPS: una mina vagante per il sistema bancario



Leggiamo oggi che le possibili nozze tra MPS e UBI Banca sollevano più di qualche dubbio in casa dell'istituto popolare orobico. UBI Banca teme infatti che le troppe sofferenze della banca senese possano intaccare la solidità del suo bilancio. Le sofferenze di MPS sono pari a circa 24 miliardi pari al 12% circa del totale delle banche italiane. UBI per acconsentire al matrimonio con MPS pone come condizione la creazione di una bad bank. E la cosa suona male perchè ci ricorda le 4 bad bak create per salvare Banca Etruria, Carife, Banca Marche e Carichieti. Cosa accadrà infatti se veramente venisse creata una bad bank per parcheggiare le enormi sofferenze di MPS? Che fine farebbero i soci di MPS? E i titolari di bond junior subordinati? Perderebbero tutto? 
Con una bad bank di questo tipo si rischia di far collassare il sistema bancario italiano. Pensiamo alle conseguenze per le altre banche quotate e per quelle, come VB e BPVi, quotande. MPS è il grande buco nero del sistema creditizio italiano. Ha già bruciato 10 miliardi circa di aumenti di capitale. Andava nazionalizzato 4-5 anni fa. Adesso è difficile e non so se l'Europa lo permetterebbe. Però non vedo tante altre soluzioni. Chi si vorrà maritare con una sposa brutta e malmessa come MPS? Brutta gatta da pelare per noi. Una situazione che andava affrontata anni fa. Invece da Monti in poi i governi hanno fatto finta di nulla ripetendo il mantra che le nostre banche erano solide. Un paese come l'Italia che ha perso il 10% di pil dal 2008 al 2015 e il 25% di capacità produttiva può avere un sistema finanziario in grado di recuperare i crediti prestati ad un sistema industriale così scricchiolant? Siamo messi male. Ammettiamolo e smettiamola con i facili, sciocchi e puerili entusiasmi. Cominciamo invece a lavorare a qualche seria soluzione in barba anche a quello che gli inetti burocrati  europei vogliono imporci o sarà la implosione del nostro sistema bancario. Con le tragiche conseguenze che tutti potete immaginare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

Bitonci: rivoluzione del ristoro? Solo una mancia per pochi

Secondo Bitonci (sottosegretario al Mef senza deleghe) il "governo del cambiamento" avrebbe messo in atto una rivoluzione dei rimborsi anzi dei ristori per i soci azzerati Veneto Banca e BPVicenza. Si rende conto Bitonci quando parla di quello che dice? Di che rivoluzione blatera? Il fondo di cui parla e che verrà approvato è stato si aumentato a 1500 miliardi dai 100 iniziali riprendendo però in toto la impostazione del fondo ex lege 205 approvato dal precedente esecutivo. Per cui rimborserà solo i soci che dimostreranno il famoso miselling ovvero quei soci che dimostrenanno essere stati oggetto di vendita fraudolenta da parte della banca. Prova non facile da produrre all'arbitro Consob ( o all'Anac vedremo chi sarà). In sostanza se l'esecutivo manterrà come dice Bitonci la impostazione della legge 205 pochi soci saranno rimborsati nonostante l'aumento della disponibilità del fondo che sarà in pratica solo teorico lasciando a bocca asciutta molti soci azzer…

Di Maio: dove sono finiti i valori del M5s? Non si può difendere la carega a ogni costo

Mi chiedo dove siano finiti i valori sui quali è nato e si è affermato il Movimento 5 Stelle. Lo chiedo soprattutto al suo "capo politico e leader" Luigi Di Maio . Affermo anche con molta nettezza che la carega non può essere sempre e continuamente messa sopra ai valori calpestandoli. Il governo del "cambiamento" ha approvato con la complicità del m5s provvedimenti che sono contrari ai principi dello stesso: 1) condono fiscale fino a 500.000 euro con possibilità di sanare posizioni detenute all'estero; 2) dato il via libera alla Tap ( sollevando un polverone in Puglia); 3) accettato e dato il placet alla continuazione di una opera abominevole da tutti i punti di vista come la Superstrada Pedemontana Veneta, nonostante il ministro Toninelli avesse assicurato che si sarebbe proceduto ad una stringente analisi sui costi e benefici. Se lo avessero fatto la avrebbero dovuta bloccare ma avrebbero avuto contro Zaia e la Lega. Così si sono adeguati a tutto pur di non s…