Passa ai contenuti principali

Lettera alla BCE in merito a Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza

Di seguito riportiamo la lettera inviata in data odierna alla BCE

Alla c.a. Dott.sa Daniele Nouy
presidente del consiglio di vigilanza unico sulle banche presso la BCE


Egregio presidente,
siamo una associazione che rappresenta i piccoli soci delle banche Popolari Venete e cioè: Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza.
Le rappresentiamo tutta la preoccupazione dei nostri soci per la difficile situazione in cui versano i due istituti chiedendoLe di intervenire in merito ad alcune questioni.
Dalla stampa veniamo a conoscenza che la BCE ha richiesto a Veneto Banca di rinnovare il consiglio di amministrazione nel corso della prossima assemblea dei soci prevista per il 5 maggio . Iniziativa che ci lascia perplessi in quanto non capiamo il motivo di tale richiesta, intervenuta per di piu' prima della quotazione della banca e pertanto senza conoscere il nuovo assetto proprietario che si verrà a formare. Ci sembrava piu' logico attendere la quotazione per poi procedere alla nomina del nuovo consiglio.

Nel caso invece della Banca Popolare di Vicenza non condividiamo la decisione della BCE di non spingere per la sostituzione quantomeno dei due membri del cda condannati in primo grado, ovvero i consiglieri Breganze e Marzotto di cui chiediamo, per motivi di opportunità, la immediata cessazione dall'incarico.
Non condividiamo questa palese difformità che nuoce soprattutto alla credibilità della Banca Popolare di Vicenza già duramente colpita da un sensibile calo degli impieghi, del numero di clienti e della raccolta. Fra l’altro non riusciamo a comprendere come molte delle Vostre lettere, che riteniamo siano riservate, vengano riprese sistematicamente dalla stampa creando, specialmente in questo momento, ulteriore preoccupazione e turbativa nei soci delle due banche, negli osservatori e nel mercato.

Siamo preoccupati anche dalle possibili conseguenze dei tanti finanziamenti ricevuti dai soci per acquistare azioni delle banche stesse, fenomeno particolarmente rilevante nel caso della Banca Popolare di Vicenza. Tali finanziamenti sono in molti casi controgarantiti dalle azioni stesse svalutate per circa il 90% del valore. Cosa accadrà per quanto riguarda questi finanziamenti? Verranno rinnovati?
O andranno ad incrementare ulteriormente il peso già altissimo dei crediti in sofferenza creando ulteriori perdite in bilancio?Diventeranno in altre parole crediti inesigibili? 
Si tratta di somme importanti pari a circa 1 miliardo di euro per Banca Popolare di Vicenza e di 300 milioni circa per Veneto Banca. Somme che potrebbero bruciare in parte gli aumenti di capitale previsti creando la necessità di ulteriori dotazioni di capitale.
Chiediamo alla BCE di intervenire per risolvere i tanti casi dei soci finanziati che si trovano con un debito da onorare e allo stesso tempo con titoli pesantemente svalutati.
Serve una soluzione in grado di non danneggiare le banche e i soci coinvolti.

Dal quadro delineato ci pare completamente fuori luogo il piano di remunerazioni previsto per i vertici delle due banche. Se tali compensi risultano in linea con quelli di istituzioni finanziarie di pari livello, è  altrettanto chiaro che le banche in oggetto soffrono di perdite record che non giustificano in alcun modo questi trattamenti economici. Una situazione, questa, che arreca un ulteriore e grave danno di immagine nel momento in cui 205.000 soci hanno perso circa il 90% del valore delle proprie azioni. Su tale aspetto era di recente intervenuta anche Bankitalia la quale aveva emanato delle norme in merito ai tetti dei compensi dell’organo amministrativo.

Infine Le chiediamo di intervenire per sollecitare i cda delle due banche a proporre la azione di responsabilità verso i componenti attuali e dimessi del consiglio colpevoli del dissesto in cui versano i due istituti.
In attesa di una Sua cortese risposta Le porgiamo i nostri migliori saluti.


31.03.2016                             Il presidente Associazione Soci Banche Popolari Venete
                                                                          prof Enzo Guidotto



Commenti

Post popolari in questo blog

Chi sono i miserabili?

Leggo sulla stampa le esternazioni volgari e isteriche della signora Paola Taverna. Questa signora( mi permetta di non chiamarla onorevole perchè sarebbe un insulto al termine) allude ai rappresentanti del movimento 5 stelle che dissentono dal pensiero del capo politico (e suo capo) Luigi Di Maio. Come se tutti dovessero adeguarsi al pensiero dominante . Come se fossero membri di un partito totalitario e non membri di un partito nel quale dovrebbe e sottolineo dovrebbe, esistere la dialettica interna e il confronto anche su idee diverse. Taverna ben rappresenta quello che si è, e non da ora, trasformato il movimento 5 stelle: una pletora di tanti ligi e obbedienti rappresentanti al servizio dei vari capi e capetti , che ci sono, eccome, nel movimento, trasformatosi ormai di fatto in partito. Questa gente pensa solo a mantenere la carega e i relativi privilegi. Chi dissente dalla linea del capo viene espulso o ghettizzato. Vietato avere un proprio autonomo punto di vista. Con la assol…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…