Passa ai contenuti principali

La ennesima pagliacciata di Zaia

Oggi Zaia dice che nel 2016 ci sarà il referendum per l'indipendenza del Veneto. Ennesima boutade di un partito, la Lega, che da troppo prende per i fondelli i polentoni veneti, che bontà loro si fanno scioccamente prendere per il culo dal governatore. Da quando è a capo del Veneto abbiamo continuamente perso posizioni a livello di competitività, a livello di servizi. (leggi qui una analisi interessante). Ultima chicca il quasi-fallimento di Veneto Banca e BPVi. Ci mancava ora solo la ultima buffonata leghista del referendum. Non sa più  che fare la banda Salvini-Zaia. L'ennesimo strumento di distrazione di massa, il referendum, per nascondere la assenza di un vero progetto di rilancio per il Veneto. Chiedo invece al signor Zaia che fine ha fatto il fondo promesso a favore dei soci delle Popolari Venete. Un fondo promesso dal governatore per venire incontro alle spese legali di quei soci che vogliano far causa a Veneto Banca e BPVi; ad oggi nessuno ne sa niente. Per non parlare della inutile commissione di inchiesta sulle nostre Popolari. Le commissioni di inchiesta di solito servono per non far nulla o al limite per sviare l'attenzione dai veri problemi. Zaia cambi registro, faccia pulizia in regione, blocchi i famigerati project finansing alla veneta, generatori di altri nuovi buchi di bilancio e tiri fuori i coglioni con quella che i leghisti"celoduristi"chiamavano Roma ladrona. Per ora vedo il solito sistema, la solita logica di potere, le solite lobbies e soprattutto zero difesa del territorio e del risparmio dei veneti. Che comunque devono iniziare a svegliarsi e non votare la Lega, vera traditrice da troppo tempo della nostra gente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

I nodi vengono sempre al pettine: la UE boccia il fondo per i soci di VB e BPVI

Apprendo dalla stampa che la Ue, non certo sorprendentemente dato che c'erano state avvisaglie chiare in questo senso, ha bocciato il fondo di ristoro per i soci Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza ( il fondo serve anche per gli ex soci delle banche risolte del centro Italia ). La Ue boccia il rimborso di fatto automatico ai soci/risparmiatori. Dubbi erano stati sollevati  prima della approvazione della legge istitutiva del fondo avvenuta a fine 2018. Il dilettantesco governo gialloverde aveva arrogantemente respinto ogni addebito, affermando che se ne sarebbe fregato della UE e dei suoi rilievi. Orbene oggi apprendiamo non solo della bocciatura del fondo ma anche del rinvio di 45 giorni della approvazione dei relativi decreti attuativi. Senza di essi il fondo resta lettera morta. Dove è finita la gigionesca baldanza di Di Maio e c.? Perchè non hanno tirato diritto approvando comunque i decreti, dando il via ai rimborsi tanto attesi? Al limite potevano farlo e ricevere una mu…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…