Passa ai contenuti principali

Il prete erotomane di Padova e le sue donne: vittime o complici?

Chiudo l'anno con un post dedicato a uno dei moltissimi scandali che hanno funestato quest'anno la chiesa veneta. Ovvero il caso di don Contin prete erotomane di Padova. Un caso ormai di rilevanza nazionale.
Quello che mi ha colpito di questo caso non sono il sacerdote in sè, un uomo evidentemente affetto da gravi turbe psichiche e non certo da ora, ma quelli che lo accusano di sfruttamento della prostituzione (le sue numerose amanti) e i suoi superiori gerarchici che evidentemente o sapevano (e hanno fatto finta di niente) o non sapevano e allora sono colpevoli comunque perchè non sanno vigilare sui loro prelati.
In quanto alle supposte amanti tutte signore in età non certo tenera (si tratta in gran parte di donne di 50 anni) non possiamo accettare la idea che siano delle vittime. Non sono giovani, non appaiono indifese, non sono neppure (come insinuato inizialmente da qualcuno) straniere clandestine che il prete potesse ricattare. Sono semplicemente delle donne che consapevolmente hanno fatto quello che hanno fatto. Che poi magari il prete le offrisse ad altri può essere ma lo hanno fatto secondo me anche qui consapevolmente. Per denaro probabilmente. Come probabilmente hanno iniziato la relazione con il ciccione prete erotomane per interesse. Non mi pare francamente che don Contin abbia il physique du rol del grande conquistatore. 
Con che faccia dunque queste donne vengono ora a dichiarare di essere state sessualmente vendute e sfruttate?
Dovrebbero invece vergognarsi e con loro chi ha, forse, fatto finta di niente come  i superiori gerarchici del sacerdote hard (vescovo in primis). 
Una vicenda misera che ben rappresenta lo squallore etico in cui è scivolata la nostra società.
Che un prete molli la tonaca e si innamori è umano.
Che trasformi la canonica in un bordello con la complice connivenza di attempate amanti interessate magari a arrotondare le entrate mi sembra infinitamente meschino.
Certo ormai la chiesa ha squarciato il velo della omertà sui tanti abusi dei preti pedofili.
Sarebbe ora forse che facesse davvero pulizia a tutti i livelli e che consentisse anche ai preti di accedere al matrimonio. Casi come quello del prete erotomane di Padova non fanno altro che allontanare ancora di più la gente dalle chiese. 
(Ri)Buon (si fa per dire) anno a tutti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

Bitonci: rivoluzione del ristoro? Solo una mancia per pochi

Secondo Bitonci (sottosegretario al Mef senza deleghe) il "governo del cambiamento" avrebbe messo in atto una rivoluzione dei rimborsi anzi dei ristori per i soci azzerati Veneto Banca e BPVicenza. Si rende conto Bitonci quando parla di quello che dice? Di che rivoluzione blatera? Il fondo di cui parla e che verrà approvato è stato si aumentato a 1500 miliardi dai 100 iniziali riprendendo però in toto la impostazione del fondo ex lege 205 approvato dal precedente esecutivo. Per cui rimborserà solo i soci che dimostreranno il famoso miselling ovvero quei soci che dimostrenanno essere stati oggetto di vendita fraudolenta da parte della banca. Prova non facile da produrre all'arbitro Consob ( o all'Anac vedremo chi sarà). In sostanza se l'esecutivo manterrà come dice Bitonci la impostazione della legge 205 pochi soci saranno rimborsati nonostante l'aumento della disponibilità del fondo che sarà in pratica solo teorico lasciando a bocca asciutta molti soci azzer…

Di Maio: dove sono finiti i valori del M5s? Non si può difendere la carega a ogni costo

Mi chiedo dove siano finiti i valori sui quali è nato e si è affermato il Movimento 5 Stelle. Lo chiedo soprattutto al suo "capo politico e leader" Luigi Di Maio . Affermo anche con molta nettezza che la carega non può essere sempre e continuamente messa sopra ai valori calpestandoli. Il governo del "cambiamento" ha approvato con la complicità del m5s provvedimenti che sono contrari ai principi dello stesso: 1) condono fiscale fino a 500.000 euro con possibilità di sanare posizioni detenute all'estero; 2) dato il via libera alla Tap ( sollevando un polverone in Puglia); 3) accettato e dato il placet alla continuazione di una opera abominevole da tutti i punti di vista come la Superstrada Pedemontana Veneta, nonostante il ministro Toninelli avesse assicurato che si sarebbe proceduto ad una stringente analisi sui costi e benefici. Se lo avessero fatto la avrebbero dovuta bloccare ma avrebbero avuto contro Zaia e la Lega. Così si sono adeguati a tutto pur di non s…