Passa ai contenuti principali

Scandali di ordinaria amministrazione

Il mondo del pallone è nel caos dopo l'inchiesta che sta sconvolgendo i vertici delle più importanti società calcistiche: Fiorentina,Juve,Milan, Lazio,Napoli. False fatturazioni, evasione fiscale e altre piccolezze. La chiamano operazione "Fuorigioco". Che scoperte si sa da un pezzo che chi investe nel calcio lo fa anche per riciclare soldi,fare false fatture,evadere etc. Che senso ha investire in società che il più delle volte perdono almeno ufficialmente denaro? Adesso diventa di pubblico dominio. Che accadrà dopo l'inevitabile iniziale polverone su uno sport che ci ha abituati a scandali quasi continui nel corso degli ultimi 30 anni? Assolutamente nulla. Un pò di casino, qualche urlo da bar sport, qualcuno magari (i pesci piccoli) ci vanno in mezzo ma grazie al nostro "perfetto" sistema giudiziario non accadrà proprio nulla. Tanta polvere e quando si sarà abbassata, tutto sarà esattamente come prima.Quanta gente è andata in carcere dopo lo scandalo del Mose? Pochi e con pene leggere.

L'Italia è così. Un paese senza etica dove il mostro delle corruzione, della evasione, della concussione, dei falsi appalti si rigenera di continuo. Si fanno indagini, poi tutto o quasi cade in prescrizione, nessuno paga. Anzi pure la beffa: le indagini costose vengono pagate dai cittadini per non risolvere un bel nulla. Gli arraffatori si fanno beffe: pagano qualche multarella o vanno magari in carcere un pò (e quasi sempre i pesci piccoli). E poi ricominciano da capo favoriti anche da un sistema giudiziario dove grazie alla prescrizione, alla sostanziale impunità dei reatri tributari e alla debolezza del reato di falso in bilancio i cosiddetti white collar non pagano mai. Rubano e continuano a farlo. E' colpa solo della mala politica? Delle leggi malfatte? O anche di una società "civile" avvezza a questo tipo di personaggi, avvezza alle scorciatoie, alle raccomandazioni, alla furbizia collettiva, alla evasione fiscale, al fregarsi a vicenda, alla mancanza totale del senso del bene comune e del senso dello Stato? Facciamo un serio esame di coscienza. Tanti di questi "furbetti" sono lo specchio in grande di tanti "piccoli furbetti" disseminati nella malconcia società italiana. E temo che ormai il tessuto sociale sia talmente assuefatto a questo che la capacità di indignarsi e di reagire, già storicamente bassa, stia sparendo quasi del tutto. "Governare gli italiani non è difficile ma inutile" diceva il duce. Forse non aveva tutti i torti. L'Italia è un paese circolare: tutto cambia affinchè nulla cambi. Questo gli italiani lo hanno forse capito da un pezzo ma fanno fatica ad ammetterlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi sono i miserabili?

Leggo sulla stampa le esternazioni volgari e isteriche della signora Paola Taverna. Questa signora( mi permetta di non chiamarla onorevole perchè sarebbe un insulto al termine) allude ai rappresentanti del movimento 5 stelle che dissentono dal pensiero del capo politico (e suo capo) Luigi Di Maio. Come se tutti dovessero adeguarsi al pensiero dominante . Come se fossero membri di un partito totalitario e non membri di un partito nel quale dovrebbe e sottolineo dovrebbe, esistere la dialettica interna e il confronto anche su idee diverse. Taverna ben rappresenta quello che si è, e non da ora, trasformato il movimento 5 stelle: una pletora di tanti ligi e obbedienti rappresentanti al servizio dei vari capi e capetti , che ci sono, eccome, nel movimento, trasformatosi ormai di fatto in partito. Questa gente pensa solo a mantenere la carega e i relativi privilegi. Chi dissente dalla linea del capo viene espulso o ghettizzato. Vietato avere un proprio autonomo punto di vista. Con la assol…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…