Passa ai contenuti principali

Zombie arraffoni


In un mondo senza ormai alcun futuro, basato su un sistema che deve prolungarsi all'infinito per tentare di sopravvivere a sé stesso, quello che conta ormai è arraffare, accaparrare senza sosta quello che rimane. Spolpare l'osso e poi buttarlo. Questo si vede a tutti i livelli sia in alto che in basso, in una logica che toglie ancora più futuro alle giovani generazioni. Il sistema per stare in piedi ha bisogno di un consumismo continuo, alimentato da bolle finanziarie e non continue, condito da continue promesse di ripresa e di miglioramento basate su un nuovo consumismo senza senso. Una ruota che ci schiaccia sempre di più implacabilmente. Basta guardare quello che ci accade intorno per capire che siamo rinchiusi in una gabbia mondiale senza uscita, con un cappio al collo che non ci darà scampo. Oltre al clima che sta cambiando e che ci sta inquinando sempre di più, il grande colosso cinese che ha trascinato la crescita in questi anni sta mostrando ovviamente crepe sempre più evidenti. Il loro consumismo basato sulla distruzione dell'ambiente è moribondo. Non possono sostenere ancora un sistema che ha bisogno di ritmi impressionanti e insostenibili di consumo per stare in piedi. Si possono stampare quintali di banconote per spingere i consumi ma ormai il mondo è in preda a un male profondo, incurabile. Ogni civiltà muore e lascia spazio ad altro. Dopo 50 anni di pace, prosperità, crescita il nostro sistema si avvia verso una pericolosa autodistruzione di cui pochissimi sembrano avere la percezione. Nessuno sa come uscire da questa trappola nella quale ci siamo cacciati. O meglio una soluzione ci sarebbe: il ridimensionamento della bolla consumistica. Ma chi è disposto a fare il primo passo? Ci sono troppe poche persone illuminate pronte a incamminarsi su questa strada, capaci magari di mettere in campo una proposta politicamente sostenibile e accettabile. Anzi la "classe dirigente-politica", che in realtà non dirige un bel nulla, mai è apparsa tanto mediocre e squallidamente meschina come in questo momento. Servono uomini di buona volontà disposti ad agire ma è dura in un contesto nel quale viene dato spazio e voce solo a mediocri lacchè di regime, incaricati di dire alle masse inermi che tutto va bene, che stiamo tutti bene. Chi critica è una Cassandra o al limite un fastidioso rompiscatole come il sottoscritto. Meglio lasciare questo mondo "sviluppato" al suo destino.
Un mondo di zombie arraffoni privi di capacità critica e di intelligenza. Non sarò complice di tanta umana miseria.

Commenti

Post popolari in questo blog

Caro Di Maio il governo non salva gli azionisti di Veneto Banca e BPVicenza

Il vicepremier Di Maio afferma pomposamente anche oggi che il governo del (presunto) cambiamento "Non dà scudi a Bankitalia e Consob ma salva solo risparmiatori". Evidentemente o ci è o ci fà l'onorevole Di Maio. Dopo aver promesso in campagna elettorale che avrebbe restituito tutto ai soci delle ex popolari abbiamo appreso che il fondo per i risparmiatori che l'esecutivo si appresta ad approvare entro fine anno NON prevede, come da qualcuno annunciato, risarcimenti automatici. Bisognerà dimostrare il MIS-SELLING ovvero che il socio è stato oggetto di truffa da parte di chi ha venduto il titolo mobiliare, le azioni di Veneto Banca o Banca Popolare di Vicenza in questo caso. Dimostrarlo è arduo quasi impossibile come confermatoci da alcuni studi legali di comprovata serietà e professionalità. La finisca quindi il buon Di Maio di prenderci per grulli. Il fondo restituirà poco o nulla e poco importa se ci sarà o meno lo scudo per Banca d'Italia , Consob o Banca Int…

I nodi vengono sempre al pettine: la UE boccia il fondo per i soci di VB e BPVI

Apprendo dalla stampa che la Ue, non certo sorprendentemente dato che c'erano state avvisaglie chiare in questo senso, ha bocciato il fondo di ristoro per i soci Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza ( il fondo serve anche per gli ex soci delle banche risolte del centro Italia ). La Ue boccia il rimborso di fatto automatico ai soci/risparmiatori. Dubbi erano stati sollevati  prima della approvazione della legge istitutiva del fondo avvenuta a fine 2018. Il dilettantesco governo gialloverde aveva arrogantemente respinto ogni addebito, affermando che se ne sarebbe fregato della UE e dei suoi rilievi. Orbene oggi apprendiamo non solo della bocciatura del fondo ma anche del rinvio di 45 giorni della approvazione dei relativi decreti attuativi. Senza di essi il fondo resta lettera morta. Dove è finita la gigionesca baldanza di Di Maio e c.? Perchè non hanno tirato diritto approvando comunque i decreti, dando il via ai rimborsi tanto attesi? Al limite potevano farlo e ricevere una mu…

Il governo pentaleghista ha preso in giro i soci di Veneto Banca e BPVi

La dura realtà in merito ai previsti risarcimenti per i soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza è finalmente emersa in tutta la sua cruda realtà. Chi accusava il precedente esecutivo di  aver fatto poco o nulla e aveva dato fiducia all'attuale governo dovrà ricredersi. Per noi soci il piatto era ed è vuoto. A nulla serve che il sottosegretario al Mef Villarosa, peraltro senza deleghe, affermi che i rimborsi verranno aumentati al 45%. Villarosa continua a prenderci in giro non so quanto consapevolmente. Il fondo che verrà presumibilmente approvato da questo esecutivo prevede infatti che i risarcimenti verranno dati a chi dimostri il miselling . Il risparmiatore dovrà cioè provare all'arbitro di essere stato vittima di vendita fraudolenta da parte delle ex popolari ora in liquidazione. Una prova non facile da portare soprattutto per chi abbia comprato le azioni prima del 2010-2011. Il rischio molto concreto è che pochi vedranno pochi spiccioli. E qui viene la beffa nell…