Passa ai contenuti principali

Renzi frutto avvelenato del compromesso storico


Renzi continua (e continuerà) ad andare avanti come un elefante dentro ad una stanza di cristalli, distruggendo tutto quello che gli si para davanti e tenta di bloccarlo. Uno da solo non conta nulla: se Renzi si comporta così è perchè ha l'appoggio di un partito il Pd, diventato ormai un carrozzone multiforme dentro al quale stanno lacchè, furbi, opportunisti di varia natura. Tutta gente interessata solo a farsi i propri affari alle spalle degli altri e a tutti i costi. Un partito nel quale chi è di sinistra è emarginato e non conta nulla. Una banda di famelici carrieristi si è imposta sugli altri. Le opposizioni a Renzi sono deboli: la minoranza interna è divisa, poco credibile. La maggioranza di questa minoranza, perdonate le parole, si è sfatta come neve al sole, comprata magari con qualche promessa di seggiole o posti utili in lista. Fa schifo vedere tipi come Damiano, gente che fino a ieri era di sinistra, votare la fiducia a Renzi, definendosi responsabile. Certo responsabile verso i suoi interessi, non certo verso un elettorato che dovrebbe pensarci due volte prima di votare uno come Renzi, che di sinistra e di certi valori non ha nulla. Un bullo, un maleducato, un insolente. Questo è Renzi. Se i 38 che non hanno votato la fiducia dimostrassero coraggio e orgoglio potrebbero magari creare un partito o un movimento nuovo unendosi ad altre forze. Restando nel Pd onnivoro di mr Renzie il loro futuro è ormai segnato. Molti di loro, come Bersani o la Bindi, fanno ormai parte della archeologia politica e sarebbe bene si facessero da parte. Che dire poi delle altre opposizioni? Sel fa il gioco delle due carte: magari a Roma fa (piu' o meno) opposizione a Renzi poi in Veneto si allea con la Moretti (altra opportunista e caregara buona per tutte le occasioni), pur di raccattare qualche seggiola di seconda fila. 

Renzi non ha oggi oppositori degni di nota per tre motivi:
1) ha l'appoggio dei poteri forti (Bce, governo tedesco e francese, Confindustria, finanza etc) e lui lo sa, rendendolo di fatto non disponibile a trattative con nessuno. I poteri forti gli hanno affidato il compito di fare le "riforme"necessarie. A lui anzi al sistema che lo appoggia non interessa nulla quanti elettori vanno a votare, anzi meno sono meglio è;
2) ha il consenso di una parte non piccola dell'elettorato italiano che vedono in lui la ultima possibilità di cambiamento. A torto perchè mr Renzie non vuole affatto cambiare, ma vuole solo "grecizzare"il nostro paese. Questa fetta di elettorato dovrebbe capire che votare lui equivale a votare le politiche di "riforma"già sperimentate in altri paesi, che non hanno portato a nulla. E non porteranno a nulla se non a trasferire ricchezza ai soliti noti a svantaggio dei ceti medi;
3) mr Renzie sta in piedi perchè non ha alcuna seria opposizione di fronte, nè alcuna credibile alternativa di governo. 
Non lo sono la Lega lepenista di Salvini, nè l'inutile M5S (almeno fino a quando non si libererà dei due capi il cui unico interesse è fare finta di fare qualcosa), nè i vari cespuglietti di sinistra, ostaggio di obsoleti schemi ideologici. Oltre Renzi....Renzi? Montanelli diceva di votare Dc turandosi il naso. Pare che questo vizio faccia ormai parte della antropologia dell'italiano medio. Non abbiamo avuto mai realmente alternative alla Dc, a Berlusconi e adesso a Renzi. Non abbiamo mai avuto una reale opposizione. Cosi' vuole la casta che domina da decenni il paese, con la interessata complicità di una fetta non trascurabile dell'elettorato e di chi fa da finta opposizione. Pare un copione ben sperimentato recitato a memoria nel teatrino del ridicolo e degli orrori che va in onda da anni nella scena politica italiana. Il "compromesso storico"ha fatto dannni forse irreversibili alla "democrazia" dell'Italia. E' tempo di cambiare o dopo Renzi non ci resterà che...Renzi

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Siamo finiti in un cul de sac

Siamo un paese in crisi dal 2008. Abbiamo perso il 10% del pil, il 25% di capacità produttiva, il debito pubblico è in aumento e non si vede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. Il 2015 non sarà l'anno della svolta. Siamo proprio così sicuri che tanti vogliano davvero cambiare? L'Italia ha uno uno degli indici di fertilità piu' basso tra i paesi occidentali. Ha quasi 18 milioni di pensionati. I pensionati vogliono cambiare? L'Italia nonostante la crisi è un paese in cui le famiglie detengono un elevato risparmio (in aumento) e l'80% circa possiede almeno una casa di proprietà. L'Italia è un paese in cui il debito delle famiglie è tra i piu' bassi del mondo occidentale in rapporto al pil. Manca un detonatore che sia in grado di cambiare gli equilibri sociali. Manca in Italia un fenomeno come Gli Indignados spagnoli, nato dal problema degli sfratti di massa delle famiglie in seguito al mancato pagamento dei mutui. Fenomeno dal quale nacque il par…

Una proposta di buonsenso per risarcire i soci di Veneto Banca e BPVI

Credo che giunti a questo punto per i soci delle ex Banche Popolari Venete ora il liquidazione coatta amministrativa non restino molte vie per accedere a qualche forma di ristoro.
La via giudiziaria appare infatti impervia e destinata alla prescrizione con la conseguenza di rendere di fatto impossibili risarcimenti se non per i casi più eclatanti(in ogni caso in sede civile) e comunque circoscritta ai soci che abbiano acquistato le azioni nell'ultimo periodo, indicativamente dal 2012 in poi. Periodo nel quale è più facile dimostrare la truffa in sede giudiziaria, agendo ad esempio anche contro le società di revisione, o di arbitrato Anac. Negli altri casi appare difficile che i soci possano conseguire qualcosa, essendo complesso nel nostro ordinamento dimostrare la truffa. 
Il fondo per le vittime di reati finanziari, ammesso che veda il via (ad oggi non abbiamo notizie in merito) comporterà risarcimenti per pochi dati i modesti fondi a disposizione (100 milioni per quattro anni …