Passa ai contenuti principali

Jacopo Berti, fai il grillino!

Lettera aperta al candidato governatore M5S del Veneto Jacopo Berti

Caro Jacopo Berti,

non ho avuto occasione di conoscerti personalmente anche se in una occasione ti ho sentito parlare dal vivo a Vicenza nel corso di una assemblea pubblica del movimento sul tema della mafia. 
Già in quella occasione notai la tua vena un po' dorotea, quel tuo discettare morbido, senza mai affondare i colpi tipico piu' di un giovane democristiano che di un grillino d'assalto. Col passare delle settimane questa mia impressione è diventata quasi certezza: nella tua campagna non ho mai sentito trattare temi scomodi, non hai mai toccato il tema della corruzione, delle grandi opere, non hai mai preso posizioni forti sulla difesa e rilancio del territorio, mai proposte innovative e di rottura, degne di chi dovrebbe rappresentare la alternativa al sistema dei vecchi partiti. Una imbarazzante normalità la tua, riflessa in quei tuoi discorsi un po' troppo "politically correct" mai veramente capaci di accusare e mettere il dito nella piaga dei 5 anni di amministrazione Zaia. E si che di accuse al governatore ne potresti fare e molte. Invece hai scelto la strada di una opposizione pacata e prudente, con una campagna elettorale nella quale hai brillato per uscite stravaganti, pur di farti notare, come il volo in deltaplano dal Monte Grappa, le proposte in tema di Igbt, andare sui treni affollati etc . Cose magari sceniche ma il cui effetto pratico agli occhi di un elettore è nullo. La tua proposta è vaga, la squadra dei candidati regionali del M5S è complessivamente debole. Non basta la onestà e le proposte ormai usate un po' da tutti i partiti sul taglio dei costi della politica. Serve una sterzata, un cambio di passo che tu non sei in grado di rappresentare. E non conta nulla il fatto che tu non abbia esperienza politica. Conta la capacità e la proposta politica che è nel tuo caso modesta. Sei figlio di un M5S Veneto che ha deciso di promuovere una lobby di mediocri anzi è in mano ad essi. I sondaggi ti danno tra il 7 e il 11%, uno dei risultati piu' modesti del movimento in questa tornata elettorale, Un motivo ci sarà se nei sondaggi in Liguria, Marche, Campania, Puglia i tuoi colleghi candidati governatori pentastellati hanno percentuali che oscillano tra il 15 e il 20%. Il territorio e tanti gruppi locali ti hanno lasciato solo. Segno evidente di una disaffezione che ha ormai toccato livelli di guardia. Vedremo che accadrà la sera del 31 ma, stanne certo, sarò uno di quelli che chiederà conto dei risultati alla lobby dei fedeli (al capo)mediocri. Non si puo' passare magari dal 25% delle politiche al 7-8% delle regionali e incolpare il sistema o gli elettori "brutti e cattivi" che non hanno  capito. Hanno capito fin troppo bene che la tua faccia pulita non rappresenta in sè un valore aggiunto ma servono anche competenza e capacità. 
A proposito: ti ho inviato una mail chiedendo il tuo punto di vista in merito agli scandali delle grandi opere in modo da inserire la proposta tua e quella del movimento nel nuovo libro "Strade Morte". Silenzio di tomba. Capisco che rispondere a un dissidente rompiscatole, per di più espulso dal M5S, come me, ti causa qualche mal di pancia ma un grillino dovrebbe essere superiore a certe cose. Invece pare che anche tu abbia imparato, come i politicanti piu navigati, ad essere piu' realista del re. Buona fortuna Jacopo non rimpiangeremo la tua silente presenza.

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Siamo finiti in un cul de sac

Siamo un paese in crisi dal 2008. Abbiamo perso il 10% del pil, il 25% di capacità produttiva, il debito pubblico è in aumento e non si vede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. Il 2015 non sarà l'anno della svolta. Siamo proprio così sicuri che tanti vogliano davvero cambiare? L'Italia ha uno uno degli indici di fertilità piu' basso tra i paesi occidentali. Ha quasi 18 milioni di pensionati. I pensionati vogliono cambiare? L'Italia nonostante la crisi è un paese in cui le famiglie detengono un elevato risparmio (in aumento) e l'80% circa possiede almeno una casa di proprietà. L'Italia è un paese in cui il debito delle famiglie è tra i piu' bassi del mondo occidentale in rapporto al pil. Manca un detonatore che sia in grado di cambiare gli equilibri sociali. Manca in Italia un fenomeno come Gli Indignados spagnoli, nato dal problema degli sfratti di massa delle famiglie in seguito al mancato pagamento dei mutui. Fenomeno dal quale nacque il par…

Una proposta di buonsenso per risarcire i soci di Veneto Banca e BPVI

Credo che giunti a questo punto per i soci delle ex Banche Popolari Venete ora il liquidazione coatta amministrativa non restino molte vie per accedere a qualche forma di ristoro.
La via giudiziaria appare infatti impervia e destinata alla prescrizione con la conseguenza di rendere di fatto impossibili risarcimenti se non per i casi più eclatanti(in ogni caso in sede civile) e comunque circoscritta ai soci che abbiano acquistato le azioni nell'ultimo periodo, indicativamente dal 2012 in poi. Periodo nel quale è più facile dimostrare la truffa in sede giudiziaria, agendo ad esempio anche contro le società di revisione, o di arbitrato Anac. Negli altri casi appare difficile che i soci possano conseguire qualcosa, essendo complesso nel nostro ordinamento dimostrare la truffa. 
Il fondo per le vittime di reati finanziari, ammesso che veda il via (ad oggi non abbiamo notizie in merito) comporterà risarcimenti per pochi dati i modesti fondi a disposizione (100 milioni per quattro anni …