Passa ai contenuti principali

Siamo finiti in un cul de sac

Siamo un paese in crisi dal 2008. Abbiamo perso il 10% del pil, il 25% di capacità produttiva, il debito pubblico è in aumento e non si vede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. Il 2015 non sarà l'anno della svolta. Siamo proprio così sicuri che tanti vogliano davvero cambiare? L'Italia ha uno uno degli indici di fertilità piu' basso tra i paesi occidentali. Ha quasi 18 milioni di pensionati. I pensionati vogliono cambiare? L'Italia nonostante la crisi è un paese in cui le famiglie detengono un elevato risparmio (in aumento) e l'80% circa possiede almeno una casa di proprietà. L'Italia è un paese in cui il debito delle famiglie è tra i piu' bassi del mondo occidentale in rapporto al pil. Manca un detonatore che sia in grado di cambiare gli equilibri sociali. Manca in Italia un fenomeno come Gli Indignados spagnoli, nato dal problema degli sfratti di massa delle famiglie in seguito al mancato pagamento dei mutui. Fenomeno dal quale nacque il partito Podemos.

Manca qualcosa in grado di creare quell'humus utile a innescare un vero cambiamento e a far nascere una forza politica nuova. In fondo chi sta male oggi fatica a trovare una rappresentanza politica. La opposizione è o politicamente irrilevante e carente di progettualità (M5S) o manca di sufficiente consenso(minoranza Pd) o è ostaggio di vecchi schemi ideologici(Sel, Prc etc). Manca a differenza di paesi come la Grecia e la Spagna, un partito capace di intercettare il voto di quei blocchi sociali oggi privi di rappresentanza politica (disoccupati, sottooccupati, precari, piccoli produttori e imprese).
Siamo finiti in un cul de sac.

Post popolari in questo blog

Banca Popolare di Bari e di Sondrio: niente spa? Ulteriore beffa per i soci azzerati di Veneto Banca e BPVi

Ad oggi due grosse popolari non sono ancora diventate società per azioni, nonostante il decreto di trasformazione in spa del 2015 del governo Renzi, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi nel merito della legge  e che dovrebbe far ripartire l'iter di trasformazione. Come mai il management di Veneto Banca e quello di Banca Popolare di Vicenza ha avuto allora (fine 2015 e inizio 2016) tanta fretta per adeguare la struttura societaria alla nuova legge? Dicono per esigenze di capitale. Forse ma in questo modo hanno brutalmente accelerato la distruzione dei due nostri istituti che a giugno 2017 sono stati dichiarati di fatto falliti dal governo Gentiloni, che ne ha decretato la messa in liquidazione coatta amministrativa.
Se ci fosse stata più lungimiranza credo che si potesse tentare di salvare le due banche o quanto meno di poter venderle ad un prezzo equo, evitando di regalarle per un euro a Banca Intesa, la unica che ad oggi ha tratto vantaggio dal f…

Resterà qualcosa per i vecchi soci di Veneto Banca e BPVicenza?

La ingloriosa fine delle due Popolari nostrane significa la perdita e l'azzeramento totale del valore delle azioni, peraltro già quasi azzerate valendo alla fine solo 0,10 euro. Ora i commissari dovranno vendere gli assets rimasti e pagare i debiti. Resterà qualcosa per i vecchi soci?  Ricordo che i vecchi soci sono creditori chirografari e quindi di ultimo grado o non privilegiati Prima vanno pagati tutti gli altri e solo se resta qualcosa verranno liquidati i chirografari. Leggendo la relazione ministeriale al d.l. 99 del 25 giugno poi trasformato in legge il 27 luglio scorso che ha decretato la liquidazione coatta amministrativa di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza si evince che gli attivi sarebbero pari a 11,6 miliardi di cui 9,9 realizzati attraverso la gestione degli npl (non performing loans crediti in sofferenza ) ceduti a SGA spa. La relazione prevede che i crediti in sofferenza, in base alla valutazione della Banca d'Italia, vengano incassati al 46,9% del lor…